Chopard

Chopard - MondaniWeb

Chopard

Tramandata di generazione in generazione dalla fondazione della Maison, l’identità di Chopard si è forgiata nel tempo e con il contributo di ogni membro della famiglia che la presidia. Al giorno d’oggi, è questo spirito di famiglia unico che differenzia Chopard nel mondo dell’alta gioielleria e dell’alta orologeria.

L’indipendenza di Chopard le consente di sostenere l’artigianato con un glorioso passato che oggi è motivo di grande orgoglio. Un’audacia che ha portato Chopard a spianare la strada a una nuova visione del lusso etico.

LA STORIA DI CHOPARD

Louis-Ulysse Chopard (1836-1915), figlio di un contadino di Sonvilier, è da considerarsi il fondatore di Chopard, in quanto conquistò rapidamente la Svizzera e il mondo all’età di 24 anni. L’artigiano orologiaio iniziò a creare opere d’arte dal design innovativo, che presto lo aiutarono ad esportare i propri prodotti  in luoghi illustri, come la corte dello zar Nicola II di Russia. Qualità, come precisione e affidabilità, erano caratteristiche molto ricercate negli orologi. Con cronometri e orologi da tasca unici, Louis-Ulysse Chopard mirava a soddisfare i “desideri di lusso”.

Grazie ai suoi eccellenti cronometristi, Chopard ha costruito una reputazione di orologi di fabbricazione svizzera affidabili e di alta qualità. Chopard ha vinto fin dall’inizio due incarichi molto prestigiosi, diventando fornitore ufficiale di orologi per «Tir Fédéral» e per le Ferrovie Svizzere.  Lo zar Nicola II di Russia era uno dei suoi clienti. Ha anche fatto affari con un certo numero di rivenditori scandinavi che hanno auto-marcato i suoi orologi. Gli orologi Chopard penetrarono così nel mercato internazionale.

A Sonvilier, come in tutta la regione del Giura svizzero, gli agricoltori locali completavano il loro magro reddito invernale assemblando orologi secondo un’usanza ben consolidata che vedeva affidare i compiti di produzione orologiera a piccole unità indipendenti e specializzate. I componenti sarebbero poi stati raccolti -nel caso di Chopard dal maestro orologiaio stesso- per poi essere assemblati e messi a punto nel prodotto finito.

Paul-Louis Chopard (1859-1940), figlio di Louis-Ulysse, prese le redini dell’azienda nel 1915 e aprì una filiale nella vicina città industriale di La-Chaux-de-Fonds che sarebbe poi diventata la sede dell’azienda. Pochi anni dopo, nel 1937, trasferì l’azienda a Ginevra, centro internazionale dell’orologeria e degli affari.

Paul-André Chopard (1898-1968), figlio di Paul-Louis, subentrò al padre nel 1943. Il dopoguerra si rivelò difficile e l’azienda, che a quel tempo contava solo cinque dipendenti, era in declino. Negli anni ’60, Paul-André iniziò a considerare di vendere la sua azienda poiché nessuno dei suoi figli desiderava seguirlo.

Allo stesso tempo, a Pforzheim, in Germania, Karl-Scheufele III, orafo e orologiaio, figlio e nipote di imprenditori, stava cercando di sviluppare ESZEHA, l’azienda di gioielli e orologi di sua proprietà. Affidandosi ai fornitori per i suoi movimenti di orologi, prese in considerazione l’acquisizione di un produttore svizzero. Con questo obiettivo in mente, pubblicò un annuncio sui giornali e si recò a Ginevra per incontrare potenziali contatti. L’ultimo giorno del suo viaggio contattò l’ultimo nome sulla sua lista e incontrò Paul-André Chopard, con il quale  capì subito che erano fatti per lavorare insieme; trenta minuti dopo, l’accordo fu siglato.

Nel 1957, il giovane Karl sposò Karin Ruf. Suo padre, Fritz Ruf, era un imprenditore dinamico e si dimostrò uno dei principali sostenitori del successo della giovane coppia. L’acquisizione di una manifattura ha offerto agli orafi di Pforzheim l’opportunità di entrare a far parte del circolo ristretto dei grandi orologiai svizzeri. Grazie al suo acume commerciale e alla passione per i viaggi ereditati dal padre e del nonno, Karl Scheufele III avrebbe continuato a sollevare Chopard dal suo letargo per costruirne un impero. Chopard è una delle ultime aziende di orologeria e gioielleria a conduzione familiare. Dagli anni ’80, i figli di Karl e Karin, Caroline e Karl-Friedrich, hanno svolto un ruolo attivo nell’azienda, come  copresidenti di Chopard.

LE COLLEZIONI DI OROLOGI CHOPARD

Alpine Eagle

Contemporanea, snella, decisa, la nuova collezione di orologi sport-chic Alpine Eagle si ispira alle Alpi e alla forza imperiosa della maestosa aquila.

Happy Sport

Lanciato nel 1993, il modello Happy Sport è il primo orologio a combinare i diamanti con una cassa in acciaio inossidabile. Rimane fino ad oggi uno dei modelli più iconici e più desiderabili del settore.

Happy Diamonds

Dal 1976, Chopard ha stabilito un forte riconoscimento e una potente identità, rivoluzionando l’industria dell’orologeria con la linea Happy Diamonds. Per la prima volta, i diamanti in movimento potevano essere apprezzati tra 2 vetri di zaffiro in cristallo sul quadrante dell’orologio.

L.U.C

Gli orologi da uomo L.U.C incarnano i più alti standard dell’orologeria svizzera. Le fasi della realizzazione degli orologi L.U.C vengono tutte eseguite nei laboratori di Ginevra e Fleurier della Maison. Questi segnatempo eccezionali, frutto di una lavorazione meticolosa, soddisfano le aspirazioni del gentleman contemporaneo.

L’Heure du Diamant

L’Heure du Diamant svela due pilastri del savoir-faire di Chopard; orologeria e incastonatura in una collezione unica. Un’eccezionale incastonatura che rende omaggio alla pietra più preziosa del mondo, il Diamante.

Mille Miglia

Gli orologi di lusso Mille Miglia di Chopard per uomo e donna creano un ponte tra l’ingegneria automobilistica e l’orologeria meccanica, frutto della passione di Karl-Friedrich Scheufele.

Imperiale

Eminentemente femminile, la collezione IMPERIALE abbaglia con la ricchezza e la delicatezza dei suoi dettagli. Rende omaggio alle moderne imperatrici la cui nobile e maestosa bellezza è rivaleggiata solo dal loro spirito conquistatore. Un omaggio ai talenti moderni.

 

mattis ut nec porta. ipsum ante. id, fringilla Lorem accumsan Donec